inquilino di tinteggiare immobile al termine della locazione

Il contratto di locazione: nulla la clausola con cui si impone all’inquilino di tinteggiare l’immobile

Con l’interessante sentenza depositata in data 13 novembre 2019 n. 29329, la Corte di Cassazione si è pronunciata in merito ad una prassi molto diffusa nei contratti di locazione: si tratta della clausola con cui si impone all’inquilino di tinteggiare l’immobile al termine della locazione.

La Corte ha affermato in modo chiaro come la predetta clausola sia NULLA.

L’unico corrispettivo che le parti possono lecitamente stabilire nel contratto di locazione è il canone. Ogni altro vantaggio in favore del proprietario, in aggiunta al canone, è illegittimo.

La tinteggiatura dell’immobile è infatti una spesa di straordinaria manutenzione, per Legge a carico del locatore.

Dunque, se anche fosse stato sottoscritto un contratto di locazione in cui sia presente la clausola con cui si impone all’inquilino di tinteggiare l’immobile, l’inquilino non sarà tenuto alla tinteggiatura per nullità della clausola.

 

Affidati ad un professionista preparato, e potrai ottenere il giusto riconoscimento dei tuoi diritti o il risarcimento ad un danno subito.
Contattaci al numero: +39 3423708787
Lecco – Via Parini n. 33 – info@risarcimentodanni.eu